La notte dei ricercatori 2019

Classificazione: 

La mattina di venerdì 27 settembre 2019 tutte le classi seconde ed alcuni alunni della classe terza C della scuola secondaria di Turbigo hanno partecipato all’evento scientifico “La notte dei ricercatori 2019”: una manifestazione che si svolge ormai da diversi anni anche a Busto Arsizio, presso Villa Manara.

I professori, i dottorandi e gli studenti del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita dell’Università degli studi dell’Insubria, durante questa giornata e il giorno seguente in Piazza San Giovanni, fanno svolgere ai visitatori diversi esperimenti per sensibilizzare il pubblico alla ricerca scientifica. In questa occasione è possibile indossare i panni dei ricercatori, quelli veri.

Anche quest’anno quindici dei nostri ragazzi, delle diverse classi seconde, hanno avuto il grande onore di partecipare attivamente alla manifestazione presentando i loro modellini cellulari “a costo zero” (Miss Cellula), ai gruppi in visita.

Inoltre otto ragazzi della terza C hanno avuto l’opportunità di mostrare i modellini dei diversi apparati del corpo umano (Mr Corpo Umano) che avevano costruito lo scorso anno scolastico.

La stimolante collaborazione tra la nostra scuola e l’Università degli studi dell’Insubria permette ai nostri ragazzi di vivere un’esperienza unica e indimenticabile.

Non ci resta che aspettare l’edizione 2020 di “Miss Cellula” per ripetere nuovamente questa iniziativa scientifica.

                                                                                                              Le docenti di scienze della SST

Sito realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.

CMS Drupal ver.7.67 del 08/05/2019 agg.10/05/2019

Grazie a Nadia Caprotti, Mario Varini, Paolo Bozzo, Maxx Berni, Pietro Cappai e a tutti i Maestri di Porte Aperte sul web.